Passeggiate erboristiche

Ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata.

(Albert Einstein)

 

 

Passeggiate erboristicheA partire dai popoli che abitavano la Mesopotamia, per non parlare degli Egizi, dei Greci, dei Romani, l’uomo ha sempre posseduto un sufficiente istinto per sapersi curare con erbe, fiori, piante e radici. La cosiddetta civiltà gli ha fatto dimenticare e, spesso, rinnegare il passato: mentre gli animali sanno ancora cibarsi di ciò che puo’ curare le loro malattie, noi non sappiamo più distinguere le erbe benefiche da  quelle velenose.

Ecco dunque delle passeggiate erboristiche, rivolte a coloro che desiderino avvicinarsi al mondo delle erbe, nell’accezione piu’ ampia del termine, per ripercorrere l’uso che ne è stato fatto nella storia, per imparare a distinguerle e a raccoglierle, per impararne i nomi, spesso molto diversi da una regione all’altra, in quanto legati a tradizioni locali o ad antiche leggende. Ecco la Polmonaria, la Coda cavallina, il Pungi-topo, il Soffione, la Spina rossa, la Rosa di Natale, la Freddolina, l’Erba Strega, l’Erba di San Giovanni..

 

Imparare a distinguere le erbe può essere d’aiuto anche per creare dei gustosi piatti o delle fantasiosissime e coloratissime insalate. Avete mai pensato di prepararvi un bel piatto con centocchio, acetosella, veronica,crespigno, tarassaco, margherite,lamio purpureo, rosa e fiori di rosmarino? Oppure una gustosa marmellata di bacche di rosa canina? E’ quello che vorremo insegnarvi..

Imparerete che la margherita si può gustare in insalata, che con la rosa si possono ottenere ottimi risotti mantecati, per non parlare delle marmellate e degli infusi.

Per imparare tutto questo organizzeremo delle vere e proprie passeggiate, servendoci di tutto quello che la natura ci offre e, troppo spesso, non siamo in grado di cogliere.

 

Il prato e’ servito!!!